FORMAZIONE PROFESSIONALE E PROVA VALUTATIVA PER DIPENDENTI E COLLABORATORI

La formazione professionale consiste nella partecipazione, nei 12 mesi antecedenti alla data di instaurazione del rapporto di dipendenza o collaborazione con l’iscritto, a corsi di formazione della durata non inferiore a 10 ore, svolti in aula o con modalità equivalenti.


Si considerano equivalenti le modalità di erogazione dei corsi svolti esclusivamente attraverso videoconferenza – caratterizzati dalla contemporanea partecipazione, anche se in luoghi fisici diversi, e dalla interazione tra docenti e discenti e tra discenti tra loro - o con modalità e-learning. I corsi e-learning si avvalgono di piattaforme che permettono, tra gli altri, di fruire dei materiali didattici attraverso il web, monitorare continuamente il livello di apprendimento, attraverso il tracciamento del percorso formativo e momenti di valutazione e autovalutazione, e consentono di interagire con docenti/tutor e con gli altri discenti al fine di favorire, tramite le nuove tecnologie, la creazione di contesti collettivi di apprendimento (c.d. “aule virtuali”). (cfr. art. 3, comma 2, della Circolare OAM n. 19/14)

La risposta ti è stata utile?

La piattaforma di e-learning prevede:

  • l’inserimento di credenziali di accesso per ciascun utente;
  • un adeguato tempo minimo necessario per la fruizione del corso, in relazione alle caratteristiche ed ai contenuti dello stesso, l’inibizione dell’accelerazione della fruizione del corso;
  • la possibilità da parte dell’utente di sospendere l’erogazione del corso e poter riprendere successivamente dal punto in cui si era interrotto;
  • la previsione di interventi casuali per rilevare l’effettiva partecipazione del discente;
  • la possibilità di chiedere e ricevere approfondimenti dal docente mediante tecniche a distanza (forum, chat telematiche, instant messaging, e-mail, telefono, etc.);
  • la somministrazione di test interattivi di apprendimento per ogni modulo formativo, dal cui esito dipende l’accesso al modulo formativo successivo.


(cfr. art. 9 della Circolare OAM n. 19/14)

La risposta ti è stata utile?

Come previsto dall’art. 3, comma 3, della Circolare OAM n. 19/14, che rinvia alla tabella A allegata alla Circolare stessa, le materie sono:

  1. il sistema finanziario e l’intermediazione del credito:
    • i soggetti operanti nell’intermediazione creditizia: gli intermediari bancari, gli intermediari finanziari e gli intermediari del credito;
    • il sistema istituzionale preposto alla regolazione e al controllo del sistema finanziario;
    • i mediatori creditizi e gli agenti in attività finanziaria, in particolare: attività svolta, requisiti richiesti, sistema di vigilanza;
  2. gli aspetti tecnici e normativi delle forme di finanziamento: mutui, prestiti personali, affidamenti finalizzati, leasing, factoring, cessione del quinto dello stipendio e della pensione, aperture di credito, carte di credito, deleghe di pagamento, concessione di garanzie;
  3. la disciplina sulla trasparenza nei contratti bancari, nel credito ai consumatori e nell’attività di mediazione creditizia;
  4. gli elementi sulla valutazione del merito creditizio: come esaminare il bilancio familiare ed il fabbisogno finanziario d’impresa;  
  5. la disciplina antiriciclaggio ed antiusura;
  6. i servizi di pagamento;
  7. la disciplina in tema di intermediazione assicurativa;
  8. la disciplina dei reclami e dell’Arbitro bancario e finanziario.
La risposta ti è stata utile?

Si. La formazione acquisita rimane valida ai fini di una nuova iscrizione negli elenchi, ovvero dell’instaurazione di un nuovo rapporto di dipendenza o collaborazione con un iscritto, fatta salva l’ipotesi che si verifichi un periodo continuativo di inattività pari o superiore a cinque anni.

La risposta ti è stata utile?

La prova valutativa prevista dall’art. 128-novies, comma 1, del TUB, consiste nel superamento di un test di verifica, eseguito con strumenti informatici, delle competenze possedute sulle materie rilevanti per le attività di agenzia in attività finanziaria e di mediazione creditizia.
La prova consta di una prova scritta, della durata di 20 minuti, effettuata con strumenti informatici presso il luogo precedentemente comunicato da ciascun candidato in sede di prenotazione alla stessa.
A ciascun candidato è assegnato un questionario composto di 20 quesiti, a scelta multipla e risposta singola.
(cfr. artt. 1, comma 1, e 9 della Circolare OAM n. 22/15)

La risposta ti è stata utile?

La prova valutativa è erogata esclusivamente dall’Organismo, e si svolge secondo le modalità previste nella Circolare OAM n. 22/15 e nei singoli Bandi pubblicati sul portale dell’Organismo (art. 1, comma 2, della Circolare)
L’Organismo nomina, per ciascuna sessione della prova, una Commissione di valutazione che vigila sul corretto svolgimento della prova stessa, attraverso l’utilizzo di strumenti informatici previsti, la quale ne attesta i risultati (art. 1, comma 5, della Circolare).

La risposta ti è stata utile?

Si, gli iscritti devono verificare che ciascuno dei loro dipendenti e collaboratori a norma dell'art. 128-novies del TUB abbia superato la prova valutativa, anche acquisendo l’attestato, prima della trasmissione all'OAM dei nominativi. (cfr. art. 1, comma 4, della Circolare OAM n. 22/15)

La risposta ti è stata utile?

Come previsto dall'art. 1, comma 3, della Circolare OAM n. 22/15, che rinvia alla tabella A allegata alla Circolare stesa, le materie sono:

  1. il sistema finanziario e l’intermediazione del credito:
    • i soggetti operanti nell’intermediazione creditizia: gli intermediari bancari, gli intermediari finanziari e gli intermediari del credito;
    • il sistema istituzionale preposto alla regolazione e al controllo del sistema finanziario;
    • i mediatori creditizi e gli agenti in attività finanziaria in particolare: attività svolta, requisiti richiesti, sistema di vigilanza;
  2. gli aspetti tecnici e normativi delle forme di finanziamento: mutui, prestiti personali, affidamenti finalizzati, leasing, factoring, cessione del quinto dello stipendio e della pensione, aperture di credito, carte di credito, deleghe di pagamento, concessione di garanzie;
  3. la disciplina sulla trasparenza nei contratti bancari, nel credito ai consumatori e nell’attività di mediazione creditizia;
  4. gli elementi sulla valutazione del merito creditizio: come esaminare il bilancio familiare ed il fabbisogno finanziario d’impresa;  
  5. la disciplina antiriciclaggio ed antiusura;
  6. i servizi di pagamento;
  7. la disciplina in tema di intermediazione assicurativa;
  8. la disciplina dei reclami e dell’Arbitro bancario e finanziario.
La risposta ti è stata utile?

Si, attraverso l’utilizzo di strumenti informatici presso il luogo comunicato da ciascun candidato in sede di prenotazione alla prova.
Le modalità di svolgimento delle sessioni di prova sono indicate negli appositi Bandi pubblicati sul portale dell’Organismo.

La risposta ti è stata utile?

Essi sono:

  1. corso di formazione professionale, come disciplinato nell’art. 3 della Circolare OAM n. 19/14;
  2. casella di posta elettronica certificata (PEC);
  3. registrazione al portale www.organismo-am.it, accedendo al servizio “Registrazione”;
  4. prenotazione alla prova valutativa, attraverso l’apposito servizio, nei termini indicati nell’apposito Bando pubblicato sul portale dell’Organismo;
  5. versamento nei suddetti termini del contributo previsto per la partecipazione alla prova, indicandone il relativo TRN (Transaction Reference Number) in fase di prenotazione;
  6. espresso consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi dell’art. 13 del D.Lgs. n. 196/2003.


Lo svolgimento della prova valutativa è subordinato, altresì, al possesso di un terminale informatico (personal computer), dotato di dispositivo di rilevazione audio e video, avente i requisiti tecnici riportati nell’apposito Bando pubblicato sul portale dell’Organismo.
(cfr. artt. 2 e 3 della Circolare OAM n. 22/15)

La risposta ti è stata utile?

Le date e le modalità di svolgimento delle sessioni della prova valutativa sono definite con apposito Bando pubblicato sul portale dell’Organismo, almeno 30 giorni prima della data prevista per lo svolgimento di ciascuna sessione.
Come previsto dall’art. 8 della Circolare OAM n. 22/15, la prova valutativa viene svolta mediante l’utilizzo di un apposito software applicativo client, disponibile sul portale www.organismo-am.it, che deve essere installato preventivamente, attraverso le istruzioni pubblicate sul medesimo portale e comunque fornite al candidato a mezzo di posta elettronica certificata (PEC), sul terminale informatico (personal computer dotato dei requisiti tecnico-informatici) che si intende utilizzare per sostenere la prova.
Una volta validata la prenotazione, ciascun candidato riceve presso il proprio indirizzo di PEC le credenziali, la password e il token (codice alfanumerico) per l’esecuzione della prova valutativa, unitamente alle istruzioni per il download dell’applicativo e lo svolgimento della prova.

La risposta ti è stata utile?

La prenotazione deve essere effettuata esclusivamente per via telematica mediante l’apposita procedura disponibile sul portale www.organismo-am.it, secondo le modalità e i termini indicati nell’apposito Bando.
Per ciascuna sessione il candidato può presentare una sola domanda di prenotazione, fino ad esaurimento dei posti disponibili.

A pena di irricevibilità della domanda, nella stessa i candidati devono indicare:

  1. i dati identificativi del proprio documento di riconoscimento, con fotografia, in corso di validità, allegandone una copia;
  2. il luogo e indirizzo in cui intendono svolgere la prova valutativa;
  3. il possesso dei requisiti di onorabilità e di professionalità, stabiliti dal combinato disposto degli artt. 128-novies, comma 1 (escluso il superamento della prova d’esame OAM), del TUB, e 14 e 15 del D.Lgs. n. 141/2010.

(cfr. art. 5, comma 3, della Circolare OAM n. 22/15)

La risposta ti è stata utile?

Come previsto dall’art. 7 della Circolare OAM n. 22/15, la cancellazione deve essere effettuata esclusivamente per via telematica mediante la relativa procedura disponibile sul portale www.organismo-am.it e secondo le modalità e termini indicati nell’apposito Bando pubblicato sul portale dell’Organismo.
In caso di cancellazione della prenotazione per una specifica sessione della prova, avvenuta esclusivamente secondo le modalità ed i termini sopra indicati, il contributo versato per la prenotazione può essere riutilizzato per la prenotazione di un’altra successiva sessione.

La risposta ti è stata utile?

Si. Il risultato della prova è visualizzabile da parte del candidato al termine della prova stessa.
Il formale superamento della prova, unitamente al relativo attestato, viene comunicato ai partecipanti secondo modalità e termini individuati nell’apposito Bando pubblicato sul portale dell’Organismo.
L’attestato deve essere conservato dall’iscritto e dal dipendente/collaboratore per un periodo non inferiore a tre anni successivo alla cessazione del rapporto tra iscritto e dipendente/collaboratore. (cfr. art. 10 della Circolare OAM n. 22/15)

La risposta ti è stata utile?

Si. I dipendenti e collaboratori che hanno superato la prova valutativa, qualora cessino il rapporto di dipendenza o di collaborazione per instaurarne uno ulteriore, non sono tenuti a sostenere nuovamente la prova, fatta salva l’ipotesi che si verifichi un periodo continuativo di inattività pari o superiore a tre anni.

La risposta ti è stata utile?

No. Nel caso in cui il dipendente/collaboratore di società di mediazione creditizia intenda, avendone i requisiti, assumere incarichi di amministrazione/direzione della società è tenuto a superare l’esame indetto dall’Organismo.

La risposta ti è stata utile?

No. L’obbligo di formazione da parte di dipendenti e collaboratori si intende assolto con il superamento della prova valutativa, e relativo percorso formativo propedeutico alla stessa prova valutativa di 20 ore, da parte degli stessi (Cfr. Comunicazione OAM n. 5/14).

La risposta ti è stata utile?
Non trovi risposta alla tua domanda?
Vai all'inizio della pagina