COMPATIBILITA' ED INCOMPATIBILITA' TRA LE ATTIVITA'

Si. Secondo la nota del Ministero dell'Economia e delle Finanze (Prot: DT 24550 del 27/03/2013) l'obbligo di iscrizione nell'elenco degli agenti in attività finanziaria per l'esercizio dell'attività di ristrutturazione e recupero dei crediti ex art. 128-quaterdecies del TUB comporta il rispetto del mono-mandato. Ne deriva che un agente può operare sulla base di massimo tre mandati ex art. 128-quater, comma 4, uno dei quali deve necessariamente riguardare l'attività di ristrutturazione e recupero crediti.

La risposta ti è stata utile?

No. La locazione operativa non rientra nella gamma di "specifici prodotti e servizi" in relazione ai quali non possono essere acquisiti mandati in misura superiore a quella prevista dall'art. 128-quater, comma 1, del TUB. Pertanto, è un'attività che può essere esercitata senza essere segnalata all'OAM. Qualora l'istanza di iscrizione di un agente in attività finanziaria sia stata sospesa, si dovrà procedere ad eliminare il riferimento al mandato ricevuto per tale attività.

La risposta ti è stata utile?

No, a condizione che all’attività di promozione (pubblicizzazione e consulenza) e collocamento (raccolta e inoltro delle proposte all’intermediario) non segua la conclusione (perfezionamento in base ai poteri conferiti) dei ridetti contratti. (cfr. art. 12, comma 1-ter, del D.Lgs. n. 141/2010).

La risposta ti è stata utile?

Sì, un agente in attività finanziaria iscritto regolarmente nella sezione E) del RUI può promuovere e collocare, su mandato di banche o di intermediari finanziari iscritti nella sezione D) del RUI, sia polizze assicurative connesse a strumenti finanziari sia polizze non connesse (c.d. “stand alone”).
Tale circostanza non confligge con la riserva di attività prescritta a coloro i quali svolgano attività di agenzia in attività finanziaria iscritti nell’Elenco OAM di cui all’art. 128-quater, comma 2 del TUB, rientrando nel più generale regime di compatibilità di cui all’articolo 17, comma 4-bis, del D.Lgs. n. 141/2010.

La risposta ti è stata utile?

Si. L'art. 128-quaterdecies del TUB consente agli intermediari finanziari di avvalersi per l'attività di consulenza e di gestione dei crediti, ai fini della ristrutturazione e recupero degli stessi, anche di agenti in attività finanziaria iscritti nell'elenco di cui all'art. 128-quater, comma 2, del TUB.

La risposta ti è stata utile?

Secondo la Nota del Ministero dell'Economia e delle Finanze (Prot: DT 100579 del 21/12/2012), sono ammesse unicamente le fattispecie in cui il dipendente e collaboratore di una società di agenzia partecipi al capitale di un'altra società di agenzia, così come quella in cui il dipendente e collaboratore di una società di mediazione partecipi al capitale di un'altra società di mediazione.

La risposta ti è stata utile?

Come chiarito nella Nota del Ministero dell'Economia e delle Finanze (Prot: DT 24550 del 27/03/2013), qualora emerga l'esercizio di un controllo diretto o indiretto sulla gestione dell'attività delle due società da parte dei soci non saranno ammessi incroci azionari di questo tipo.

La risposta ti è stata utile?

Si. Secondo la Nota del Ministero dell'Economia e delle Finanze (Prot: DT 100579 del 21/12/2012) tale possibilità è ammessa purché riceva in qualità di agente, iscritto come persona fisica nell'elenco degli agenti, un solo mandato diretto da parte di banche o intermediari; e purché, in qualità di collaboratore, riceva al massimo due mandati da parte di una sola società di agenzia per un numero complessivo di mandati massimo pari a tre.

La risposta ti è stata utile?

L'esercizio dell'attività di cambiavalute, come ogni altra attività diversa dalla concessione di finanziamenti o dalla prestazione di servizi di pagamento su mandato, non può essere esercitata dagli agenti in attività finanziaria.

Tale riserva di attività, tuttavia, non opera nei confronti degli agenti che svolgono in via esclusiva la prestazione di servizi di pagamento.

La risposta ti è stata utile?

I dipendenti, gli agenti e i collaboratori di banche e intermediari finanziari non possono svolgere attività di mediazione creditizia, né esercitare, neppure per interposta persona, attività di amministrazione, direzione o controllo nelle società di mediazione creditizia ovvero, anche informalmente, attività di promozione per conto di intermediari finanziari diversi da quello per il quale prestano la propria attività. (cfr. art. 17, comma 2, del D.Lgs. n. 141/2010)

La risposta ti è stata utile?

Fermo restando quanto previsto dall’art. 17, comma 1, del D.Lgs. n. 141/2010, non sussiste alcun divieto in merito alla detenzione di partecipazioni in società iscritte negli Elenchi tenuti dall’OAM da parte di esponenti societari o soci di altre società iscritte. (cfr. nota del Ministero dell'Economia e delle Finanze - Prot: DT 100579 del 21/12/2012).

La risposta ti è stata utile?
Non trovi risposta alla tua domanda?
Vai all'inizio della pagina